fbpx
Menu Chiudi

La produzione di Florenza X Anniversario

Nell’ultimo articolo (che trovate qui) abbiamo avuto l’opportunità di parlare del Game Development di Florenza: X Anniversary. Ma quali sono state le scelte e le modifiche che abbiamo apportato per questa nuova edizione del nostro best seller in casa Placentia Games? Per l’edizione celebrativa di Florenza volevamo portare questo gioco al livello delle produzioni più recenti e con un’ergonomia di gioco più funzionale, con un’iconografia più chiara e una disposizione degli elementi più leggibile.

L’obiettivo era di mettere a punto un prodotto degno di Kickstarter senza passare per la piattaforma di Crowdfunding: la richiesta di una ristampa da parte dei nostri fan era molto elevata, quindi questo era il gioco giusto per provarci (e infatti… mancano poche copie al sold out!)

Per prima cosa, era il momento di dare una rinfrescata ai materiali, sostituendo gli obsoleti cubetti con dei componenti in legno più belli e moderni. Tambu ha quindi realizzato alcune versioni degli stampi per le risorse (legno, tessuto, ferro, spezie, marmo e oro), che abbiamo sottoposto ai nostri fornitori. Loro ci hanno mandato i campioni che abbiamo usato per scegliere le forme definitive, dopodiché abbiamo aggiornato di conseguenza le grafiche presenti nel gioco con le nuove illustrazioni di Sara.

Anche i lavoratori sono stati aggiornati, e in questo caso Tambu ha avuto una brillante intuizione: dato che non riuscivamo a creare uno stampo soddisfacente di una sagoma a figura intera, ha suggerito di usare un’icona riconoscibile e funzionale all’ambientazione, il profilo del ritratto di Cosimo de Medici. Un’idea perfettamente aderente al gioco e con un componente impattante e piacevole da maneggiare.

Inoltre abbiamo sostituito le banconote, considerate un po’ datate dai giocatori, con dei token a forma di scudo più piccoli e maneggevoli. Rispetto alla prima edizione, ora abbiamo dei fornitori che garantiscono una stampa di qualità di questi componenti.

Passando alle grafiche e alle illustrazioni, avevamo due necessità: da una parte dovevamo aggiornare il tutto alle nuove regole e aggiunte, dall’altra volevamo risolvere alcuni problemi di leggibilità e chiarezza. In particolare, Mario e Matteo, da profondi conoscitori del gioco, hanno seguito i dettagli del restyling per assicurarsi che i dettagli importanti fossero nelle posizioni più visibili.

Abbiamo inoltre riprogettato attentamente l’iconografia, in modo tale da uniformare tutti gli elementi sulla plancia, le tessere e le schede giocatore. Per esempio, ora tutti gli elementi che generano una rendita sono evidenziati in viola, su tutti i materiali di gioco.

Anche la plancia principale è stata ricostruita per rendere ogni elemento più leggibile e visibile da tutti i giocatori, e abbiamo colto la palla al balzo per rafforzare l’ambientazione: abbiamo chiesto a Sara di disegnare dei dettagli che ci piacciono molto, come il pennello, il martello e il compasso, che aiutano a trasportare i giocatori nel ruolo di progettisti rinascimentali. Pensiamo che sia stata molto abile a mantenere una coerenza stilistica col resto. Inoltre, il fidato grafico Paolo Vallerga di Scribabs ha svolto un lavoro di “recupero e cernita” di tutte le vecchie illustrazioni dalle precedenti edizioni e dal Card Game, per scegliere le più adatte al nuovo stile.

Per quanto riguarda le tessere degli edifici, abbiamo optato per semplificarle e renderle più visibili e chiare, con colori identificativi, in modo tale che tutti i giocatori potessero avere una buona visione d’insieme, soprattutto nelle plance giocatore degli avversari, aspetto fondamentale per lo svolgimento del gioco. Non a caso, gli edifici di Rione sono stati spostati nella parte alta delle plance giocatore, quindi più vicini al centro del tavolo, dove gli altri possono vederli.

Florenza: X Anniversary ha richiesto oltre un anno di sviluppo, fra il Game Design aggiornato e il lavoro di ristrutturazione grafica e illustrativa. È stato quasi come rifare un gioco nuovo, da zero. Siamo però molto fieri e soddisfatti, e siamo convinti che ora Florenza, che riteniamo sia un gioiello fra i giochi German, sia pienamente valorizzato e portato al passo con la produzione attuale.

E tu, sei d’accordo con le nostre scelte editoriali? Facci sapere cosa ne pensi sulle nostre pagine social e iscriviti al nostro canale Telegram per non perderti nessun articolo del blog di Post Scriptum!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *